Storia

Un’amena conca naturale verso la quale declivano a ventaglio dolci colli che nascono dall’incontro tra gli ultimi lembi delle Alpi Marittime verso sud-est con i primi declivi da nord-est delle magiche “Terre di Langa” dal 1596 diventa centro primario di pellegrinaggi Mariani per fedeli di mezza Europa.

Tale immenso confluire di uomini e donne di fede non poteva sfuggire né al Vescovo di Mondovì né a Casa Savoia che per dare ulteriore lustro al proprio Casato ed al contempo rispondere ad inderogabili esigenze di accoglienza decisero un’attenta sistemazione urbanistica della valle.

Nasce così quel gioiello architettonico – urbanistico costituito dal complesso Basilica, Monastero, Sagrato con giardini e fontane delimitato dalla Palazzata: cinque lati di un ideale ottagono irregolare che avvolge l’area e gli edifici sacri creando una zona di rispetto atta a favorire la concentrazione mistica per i fedeli e laica per i turisti curiosi d’arte e cultura.